- Internazionali
   - Modi di dire
   - Gli starnuti
   - 1000 usi dei fazzoletti






: 2 pacchetti random :

Kiss KidsConad

- -






Quanto è veloce uno starnuto?

Sembra (e forse lo è) una domanda idiota, ma chi di voi sa effettivamente quanto veloce sia uno starnuto?

Lo starnuto è un atto semplice ma di una certa "violenza". Mediamente un nubeculo espulso dal nostro naso in seguito ad uno starnuto, si muove a circa 160 Km/h. La sollecitazione di uno starnuto porta ad inalare circa 2,5 litri d’aria, che crea nei nostri polmoni un aumento di pressione all’incirca di 100 mm/hg. La nostra ugola ed anche il palato reagisce a tutto ciò abbassandosi e dirigendo l’aria verso il naso e una parte, anche se minima, verso la bocca.

La velocità di questo movimento e la depressione che si viene a determinare causano l’espulsione delle particelle alla velocità detta sopra.

E volendo essere proprio rompiscatole, perchè non chiedersi anche il motivo per cui chiudiamo gli occhi quando starnutiamo?

E' presto detto: lo starnuto parte quando i sensori nervosi che si trovano nel naso segnalano la presenza di particelle estranee. Scatta l’emergenza: il naso emette muco, i muscoli respiratori comprimono fortemente il torace e quelli che controllano le vie respiratorie le fanno chiudere. Quando la pressione dell’aria nei polmoni diventa troppo alta, le vie respiratorie si aprono espellendo con forza aria e particelle estranee. Lo spasmo che accompagna lo starnuto coinvolge parecchi muscoli, compresi quelli facciali, responsabili dello sbattimento degli occhi. A occhi chiusi. Ed ecco il punto: il fatto di chiudere gli occhi starnutendo probabilmente è un meccanismo biologico che serve a proteggerli. Espellere dal naso le particelle, come abbiamo detto, richiede una pressione che si trasforma in una velocità di espulsione molto alta. Chiudere gli occhi, allora, può servire a impedire che tale pressione possa danneggiare i dotti lacrimali.